partita iva regime forfettario

Partita Iva a Regime Forfettario, cosa c’è da sapere?

Se sei intenzionato ad aprire una partita iva a regime forfettario è bene che tu sia ben consapevole dei requisiti necessari perché ti venga riconosciuta e dei suoi limiti. In questo breve articolo analizzeremo, step by step, ciò che la caratterizza, i vantaggi e gli svantaggi che offre e le modalità di apertura attualmente disponibili secondo quanto stabilito dall’ ultima manovra finanziaria. Vediamo dunque cosa c’è da sapere!

 

I requisiti per la partita iva a regime forfettario

Questo tipo di regime è stato pensato in origine per coloro che hanno un’ attività già ben avviata ma di recente è stata introdotta la possibilità di scegliere la partita iva a regime forfettario anche per coloro che stanno iniziando un nuovo percorso aziendale, sia in proprio che in un’ azienda (anche se in questo caso consigliamo di dare uno sguardo al regime dei minimi).

I requisiti, che sono poi anche i limiti di questo regime sono i seguenti e devono essere obbligatoriamente rispettati, pena l’ estromissione dal suddetto regime e sanzioni economiche:

  • Limite di Ricavi da un minimo di 25.000 euro ad un massimo di 50.000 euro, a seconda del tipo di attività;
  • Spese per lavoro dipendente non superiori a 5.000 euro netti;
  • Acquisto di beni strumentali per un massimo di 20.000 euro.

Se ritieni di possedere le caratteristiche sopra citate allora puoi procedere con la richiesta di apertura. Ricordiamo inoltre che i requisiti riportati sono calcolati sulla base dei dati economici della tua attività nell’ultimo anno, se già è avviata, oppure su dati presunti qualora stessi per cominciare il tuo percorso imprenditoriale.

Rispetto al regime dei minimi la partita iva a regime forfettario offre un margine di guadagno annuale molto più ampio e permette investimenti più sostanziosi nella propria attività. Inoltre, si può rientrare degli oneri fiscali detraendo l’iva. Le spese invece dipendono molto dalla tipologia di attività svolta e sono classificate in tabelle specifiche basate sul codice ATECO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *